Archivio del 16 luglio 2010

L’Imperatore nei Tarocchi: la Meditazione

Comprendere i significati della carta dell’imperatore con la musica e la meditazione

L’Imperatore dei Tarocchi dice: “Colui che domina, vede, osserva, giudica ed amministra con saggezza e generosità i quattro angoli del mondo agisce senza muoversi dal suo centro.
È il momento di usare il tuo potere personale con saggezza e generosità. Così potrai controllare il tuo territorio con autorevolezza autentica”.

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Ascolta la musica dedicata all’Imperatore da Le Voci degli Arcani.

Meditazione
Dall’alto di una collina vedo un vasto territorio estendersi in tutte le direzioni. Vedo campi coltivati e mandrie di bovini che pascolano tranquillamente. Sento di essere responsabile di ogni cosa che vedo e di avere sufficiente maturità per prendermi cura di tutto. Con grande serietà mi siedo su un trono tutto d’oro da cui posso scrutare l’orizzonte.
Mi concentro sui miei piedi che sono ben appoggiati al suolo e comincio a percepire l’energia della Terra che, vibrando, sale lentamente dalla pianta dei piedi, nelle caviglie, nelle gambe, su fino al bacino, nel busto, nella testa e nelle braccia.
Vedo questa energia salire come un flusso continuo di luce dorata scintillante. Allargo leggermente le braccia e permetto a questo flusso di energia dorata di uscire dalle dita delle mani per ritornare alla Terra. Il mio corpo è il canale di questa energia che lo attraversa continuamente.

Giovanni Pelosini
Musica di Giovannimparato / Immagine di Roberto Granchi

I Simboli della Maschera e il Profondo Sé

Il Simbolismo della Maschera

Scrive Friedrich Wilhelm Nietzsche (1844-1900) che “tutto ciò che è profondo ama la maschera” (Al di là del bene e del male), e questo concetto, a prima vista, sembra non conciliarsi con la comune idea di maschera, intesa come un velo superficiale che si distende sul volto per celarlo: sembrerebbe che la maschera sia più legata alla superficie piuttosto che alla profondità.
È tuttavia proprio in questa funzione essenziale ed archetipica della maschera che si spiega la frase: ciò che sta in superficie, infatti, cela quello che sta nelle profondità; l’entità profonda ha bisogno di una maschera per nascondere alla luce la sua vera essenza e per poter poi manifestarla al mondo visibile opportunamente filtrata.
Quindi la vera essenza non è identificata certamente con la maschera che appare, ma è con essa che si manifesta e che agisce nel mondo. Continua a leggere »