Cecina, 1 agosto 2014: AREA 23, Gabriele Montera, Il Calice svelato nell’Ultima Cena di Leonardo

Fondazione Hermann Geiger, Comune di Cecina, Regione Toscana

CecinAutori 2014

Festival della Letteratura, Arti e Spettacolo

*** AREA 23 ***

Giovanni Pelosini presenta Gabriele Montera

Il Calice svelato nell’Ultima Cena di Leonardo

Venerdì 1 agosto 2014, ore 23

Cecina, Piazza Guerrazzi

INGRESSO LIBERO

Info: tel. 0586.635011

Gabriele Montera, medico cosentino, ha il merito di aver riconosciuto nelle macchie del muro del celebre cenacolo le rappresentazioni del Santo Graal e del volto della Sindone: questa scoperta apre nuove prospettive al mistero del Graal e ai dubbi sull’attribuzione a Leonardo da Vinci del sudario di Gesù.

Vedi anche:



2 Commenti a "Cecina, 1 agosto 2014: AREA 23, Gabriele Montera, Il Calice svelato nell’Ultima Cena di Leonardo"

  1. Stupormundinews

    Spiacente , ma la presunta scoperta di Montera, era vecchia di un decennio , come dalle smentite stampa, cercando su internet “non dice nulla di nuovo Montera in merito all’Ultima cena.La scoperta era della principessa Yasmin e fu opera, come documentabile, della principessa Yasmin von Hohenstaufen ,plurilaureata e, tra l’altro, archeologa e critico storico dell’arte, autrice non solo della sindone presso gli Hohenstaufen con tutte le reliquie di Cristo e le bende stesse da lei ereditate, quanto Leonardo stesso fosse figlio naturale del principe Aubry de Chateau d’Amblais (Avril de Saint Genis(Sancta Propago Stoffensi Domi)d’Anjou Plantagenet Angoumois duca del castello D’Amblais e cugino della Regina di Francia…dove è sepolto Leonardo.Eventi noti in tutto il mondo e ripresi con ampio spazio su tutti i media e soprattutto nel Castello di Roseto , ove vi fu il famoso Meeting con una trentina di Cardinali, che premiarono la principessina Kathrin Hohenstaufen ,poi medico oncoematologo, che in realtà fu , nonostante giovanissima proprio lei autrice del filone delle scoperte, che ha lasciato alla madre archeologa,storico dell’arte, essendo ancora studentessa di liceo, a solo 15 anni e poi di medicina , poi dedita alla scienza e l ricerca oncoematologica.Il Principe d’Amblais era proprio un antenato della principessa Yasmin e mecenate di Leonardo ed in merito la principessa ha ereditato tutti gli archivi di Chateau d’Amblais dove sono espliciti i linguaggi in codice di Leonardo.Articoli pregressi di oltre 10 anni discutono della tovaglia sindonica dell’ultima cena e che addirittura il volto della Gioconda a retro recava Sindone.Proprio per indicare in codice che Leonardo apparteneva alla Sancta propago , di Federico II ed Isabella d’Inghilterra, quindi un antenato , sia pure illegittimo ,della stessa principessa Yasmin.., leggere su facebook riferimenti articoli di smentita cercando profilo “Montera “scopre” le scoperte di Princess Yasmin .lo stesso dossier inviato alla sindaco di Milano e al dr calbi responsabile cultura del comune di Milano riportano tali notizie, che fecero parte del programma Expo Milano.Persino la pièce teatrale, della principessa Yasmin nel castello di Monsampolo del Tronto “Della rosa fronzuta sarò Pellegrino”, che ha avuto il Patrocinio Della Presidenza della Repubblica edel Governo Prodi e di tutti i Ministri del suo governo, testimonia che la scoperta della sindone sul tavolo dell’Ultima cena era della principessa Yasmin di una decina di anni pregressa, in quanto prima della pièce preannunciata nei convegni e dalla stampa.La temerarietà di tale pretesa lascia pensare a interessi massonici aliundi…con finalità occulte…Le scoperte della principessa Yasmin sono alluvionali ed epocali.Ma una imperatrice regala le sue scoperte,all’umanità, non perde tempo a rivendicare primati con la bassacorte …

  2. Giovanni Pelosini

    Gentile lettore, non c’è motivo di spiacersi: ha fatto bene a esprimere il suo punto di vista, anche se sarebbe stato assai più corretto firmare con nome e cognome una missiva così critica. Infatti, in assenza di una sua firma, anche le sue critiche (che comunque accetto di pubblicare per dovere di cronaca) perdono di consistenza e di credibilità. In ogni caso non spetta a me replicare, ma il dottor Montera, se lo riterrà opportuno, potrà farlo su queste pagine.

Lascia un commento