Archivio del settembre 2017

Milano, 8 ottobre 2017: VIII Congresso di Astrologia Morpurghiana

Astrologia Morpurghiana

8° Congresso Nazionale

dedicato alla memoria di Maddalena Magliano

Conduce Franca Mazzei

Domenica 8 ottobre 2017, ore 10.00-19.15

Milano, Hotel Sanpi, Via L. Palazzi, 18

Ingresso: 6 €

Ingresso libero per chi acquista gli Atti del Congresso (20 €)

INFO e prenotazioni: tel. 327.0922288


Fra i relatori, alle ore 12.15:

Giovanni Pelosini

presenta

Il codice astrologico dei Tarocchi


PROGRAMMA

  • h 10.00: Benvenuto ai convenuti
  • h 10.10: Antonio Capitani, Ricordo di Maddalena Magliano
  • h 10.30: Antonella Putignano, La Signora del mare – ricerca sulla corrispondenza zodiacale della città di Genova
  • h 11.00: Thomas Molteni, Le grandi battaglie e l’astrologia, panoramica delle configurazioni planetarie dalla battaglia di Pavia allo sbarco in Normandia
  • h 11.30: Elena Cartotto, Zodiaco misterioso. Approfondimento astrologico su quattro personaggi collegati al mondo del paranormale
  • Pausa caffè
  • h 12.15: Giovanni Pelosini, Il codice astrologico dei Tarocchi
  • h. 12.45: Ciro Discepolo, Il ruolo delle previsioni in astrologia
  • h. 13.15: Pausa pranzo
  • h. 14.30: Anna Paola Risola, Le grandi protagoniste del cinema di Woody Allen
  • h 15.00: Annamaria Quinzi, Spunti preliminari all’analisi del microbiota intestinale. La corrispondenza astrologica Vergine – intestino
  • h 15.30: Daniela Nipoti, Il mio incontro con Lisa Morpurgo
  • h 16.00: Susy Grossi, Sorpassati a sorpresa. Analisi astrologica del perché alcuni grandi favoriti in varie competizioni, da Hillary Clinton a Fiorella Mannoia, all’ultimo minuto sono stati sconfitti
  • h 16.30: Massimo Michelini, Errare astrologicum est… Gli errori di previsione in astrologia
  • h 17.00: Pausa caffè
  • h 17.15: Maria Tenore, Il Futurismo e i suoi Manifesti
  • h 17.45: Francesco Astore, Un secolo di bellezza femminile. Come i transiti dei tre pianeti lenti, Plutone, Nettuno e Urano, hanno influenzato i canoni estetici
  • h 18.15: Fabio Piscopo, I ritorni celesti di Saturno e Urano nel corso di una vita
  • h 18.45: Dibattito finale e saluti

Torino: Mostra “I Tarocchi dal Rinascimento a Oggi”, 4 ottobre 2017-14 gennaio 2018

Lo Scarabeo, Regione Piemonte, Città di Torino, Museo Ettore Fico

I Tarocchi dal Rinascimento a Oggi

Torino, Museo Ettore Fico, Via Cigna, 114

Dal 4 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018

Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato e domenica 11-19 Info: tel. 011.853065

La Casa Editrice Lo Scarabeo celebra quest’anno a Torino i trenta anni di attività con la mostra sui Tarocchi più grande e importante che sia mai stata realizzata nel mondo.

Più di mille metri quadri di esposizione di circa trecento Tarocchi originali antichi e moderni, oggetti d’arte, incisioni, matrici, bozzetti, carte miniate rinascimentali, documenti e libri introducono alle sale tematiche sulla storia, la filosofia, l’arte e la letteratura.

Da qui il visitatore è guidato in un percorso iniziatico e suggestivo attraverso sale ed esperienze che affrontano gli aspetti storici, divinatori, psicologici, meditativi, spirituali, magici, artistici, tecnici, narrativi, editoriali, per concludere con la mia ipotesi sul perché e come i Tarocchi funzionano.

Giovanni Pelosini

COMITATO SCIENTIFICO

  • Pietro Alligo, Lo Scarabeo
  • Giordano Berti, saggista
  • Franco Cardini, Storia medievale, Università di Firenze
  • Sasha Graam, saggista
  • Riccardo Minetti, saggista, Lo Scarabeo
  • Barbara Moore, saggista
  • Anna Maria Morsucci, curatrice della mostra
  • Giovanni Pelosini, saggista
  • Paolo Aldo Rossi, Storia del Pensiero Scientifico, Università di Genova
  • Andrea Vitali, Associazione Le Tarot
  • Claudio Widmann, saggista

⇒ Eccezionalmente saranno in mostra anche alcuni originali dei Tarocchi della Spirale Mistica (Tarot of the Mystic Spiral) di Giovanni Pelosini & Giuseppe Palumbo, Lo Scarabeo, 2011.

⇒ In contemporanea alla mostra sui Tarocchi, il MEF ospiterà nella stessa sede una mostra sul Giardino dei Tarocchi realizzato a Capalbio da Niki de Saint Phalle (1930-2002) e una personale della stessa artista.

Nell’immagine in alto: Ferenc Pintér, Il Matto, Tarocchi dell’Immaginario, Lo Scarabeo, 1991

 

 

I Tarocchi di Rossana Berti

Realizzati in Egitto, utilizzando le acque del Nilo per la pittura, questi originali Tarocchi di Rossana Berti Garzelli sono stati in mostra al Cairo presso l’Istituto Italiano di Cultura nel 2006, e non sono ancora conosciuti dal pubblico italiano.

Le dimensioni notevoli  e la particolare tecnica con tinte acriliche su plastica, che richiede una speciale attenzione nella rapida e programmata esecuzione, hanno permesso all’autrice, nota artista internazionale, di esprimere la sua visione degli archetipi dei Tarocchi.

La serie comprende tutti gli Arcani Maggiori in grande formato (115 cm x 60 cm) e le sedici Figure di Corte (57 cm x 30 cm). L’impatto, nella sua complessità, è di grande suggestione, con i colori primari in forme essenziali a mostrare tutta la drammaticità delle immagini, e il sottile legame fra l’autrice e le sacre acque primordiali di un mondo atavico. Splendidi il rosso e il blu, veri protagonisti dell’eterna contrapposizione dei princìpi alchemici opposti che rendono quasi dinamica la visione del mazzo esposto. Osservando questi Tarocchi, l’impressione personale che ho avuto  è stata quella di essere dentro una pellicola di un vecchio film, in cui le immagini, oniriche e ferme, sembravano apparire e scomparire di continuo, come bruciate dalla lampada del proiettore, mentre la trama si svolgeva eterna e brillante come la vita.

Il senso di questa notevole opera sta nell’espressione soggettiva di una sensibilità artistica, maturata in tempi e luoghi lontani ed esotici, ma sollecitata da significati cosmici, che dimostrano anche così la loro universale oggettività.

Come il Matto dei Tarocchi, eterno vagabondo senza meta che attraversa tutto il mazzo degli Arcani, Rossana Berti è un’artista viaggiatrice che ha vissuto a lungo in Egitto, Cile, Ghana, Sudan, Tunisia, Austria, traendone una sensibilità multiculturale e un approccio alla realtà tarologica correttamente non univoco né dogmatico.

Giovanni Pelosini

Museo Internazionale dei Tarocchi: Incontri con gli Autori, 2/9/2017

Riola (BO)

2 settembre 2017

Museo dei Tarocchi

2007-2017

La speciale serata organizzata da Morena Poltronieri e Ernesto Fazioli è stata l’occasione per incontrare il pubblico attento degli appassionati della materia nel luogo del cuore della Tarologia contemporanea, dove arte e cultura si armonizzano in spontanea sinergia. Sono stati presentati gli ultimi volumi della Casa Editrice Hermatena durante la visita guidata nelle sale del Museo, ricche di opere provenienti da tutto il mondo.

Incontri fra autori al Museo Internazionale dei Tarocchi

Durante la celebrazione del decennale del primo museo di arte contemporanea e di cultura dedicato interamente ai Tarocchi ho avuto anche il piacere di conoscere Franco Coletti, illustratore e scrittore.

Appassionato di culture e religioni antiche, psicanalisi, letteratura, teatro, pittura e grafica, ha approfondito l’archetipo della figura femminile nella storia e nella mitologia. Ha inoltre realizzato mazzi di Tarocchi e opere illustrate di narrativa  che declinano l’universo dei significati tarologici.