Archivio della categoria 'Tarocchi Pelosini-Santini Del Prete'

Il Sentiero dei Tarocchi alla Casa dell’Arte (di Bruno Sullo)

I Tarocchi Pelosini–Santini Del Prete a Palazzo Marini di Rosignano Marittimo

di Bruno Sullo

Con questa mostra-evento La Casa dell’Arte apre il tredicesimo anno della sua vita. Un percorso lungo e articolato caratterizzato da una consapevole scelta di campo in favore dell’arte di ricerca e dalla doppia attività di produzione e di promozione dell’arte contemporanea. (…) La singolare, direi surreale, collusione di personaggi e ruoli così distanti induce tutta una serie di considerazioni sulla natura dell’arte, che può, certo, correre lungo i binari dell’ortodossia, ma può anche deragliare, uscire dai solchi e muoversi negli aperti scenari della libera creatività. I effetti i 22 Arcani sono presentati come “quadri”, ma non lo sono del tutto: da una parte posseggono le connotazioni espositive dei quadri (cornice, passepartout, attaccaglia, ecc.), dall’altra conservano la correttezza e il rispetto del tema, pur confrontandosi con esso con “una incredibile vena ludica”. Continua a leggere »

Il Sentiero dei Tarocchi Pelosini – Santini Del Prete (di Morena Poltronieri)

Il Sentiero dei Tarocchi Pelosini-Santini Del Prete

di Morena Poltronieri

I 22 Arcani Maggiori dei Tarocchi segnano l’eterno ed inesauribile cammino dell’uomo. Come archetipi nascosti nel profondo oceano dell’esistenza, si svelano attraverso immagini da ascoltare grazie alla loro emanazione visiva. Essi non sono né antichi, né moderni, ma senza tempo, al di là di retaggi culturali soggettivi che imbrigliano il sapere autentico.

Gli arcani sono latori di una sapienza indefinibile, dove i simboli espressi raggiungono una sintesi comune, ovvero la scoperta della fiamma insita in ognuno di noi tesa al ricongiungimento col grande mosaico. Questa è la sensazione che emana la visione dei Tarocchi Pelosini Santini Del Prete, dove appaiono una serie di scene performatiche fuse nella loro ambientazione e risonanti di un simbolismo intatto rispetto alla tradizione eppur rinnovato nella sua espressione. Continua a leggere »

Tarocchi e Storie Binarie (di Giusy Caroppo)

Scambisti – Storie binarie di 1°, 2°, 3° classe

di Giusy Caroppo

Piccole cose di pessimo gusto. Ricordi a buon mercato. Per raccontare l’immaginario del treno, chiuso in una sorta di affollato, ironico Mausoleo. Allestito proprio nelle sale del dopolavoro ferroviario. A Bari, l’ultimo intervento del duo Santini Del Prete

Martedì, 25 maggio 2004. Arrivata a destinazione con una fantasmagorica inaugurazione che ha visto lo scambio tra arte e performance, cinema e narrativa (proiezione de Il volo: sogno in video lungo la tratta binario-tranviaria Cecina-Livorno; presentazione del libro Italian Sud Est di Fluid Video Crew e dell’omonimo film, il docu-western salentino di Marco Saura, Caterina Tortosa e Davide Barletti), la mostra Scambisti – storie binarie di 1°, 2° e 3° classe a cura di Grazia De Palma, spunta come una sorta di curioso e coloratissimo fungo nella Sala del Dopolavoro ferroviario della Stazione centrale di Bari. Continua a leggere »

Quando il Carro incontra la Giustizia

Si immagini di avere a disposizione due artisti (“non artisti”) ferrovieri come I Santini Del Prete, famosi performers e da tanti anni flessibili e geniali interpreti di archetipi, un autore che ama uscire dai consueti binari dell’espressione come Giovanni Pelosini, ed il pubblico della VII edizione del Festival dei Tarocchi. Uno dei risultati possibili è l’azione di incontro-scontro fra il Carro e la Giustizia: i due Arcani Maggiori sono contigui nel mazzo, ma antitetici in alcuni dei loro significati simbolici; fracassone e rumoroso il primo, quanto ordinato e rigoroso il secondo. La trasformazione alchemica dal VII al IX Tarocco avviene tramite l’intervento dell’VIII Arcano: il Trionfo del Carro è attivo e rumoroso, si muove come un treno sferragliante e sbuffante, laborioso e tintinnante. Quando incontra la Giustizia, così severa e raziocinante, così selettiva e sanzionante, è un vero scontro di forze archetipiche universali. L’esito dell’incontro non potrà che essere il silenzio dell’Eremita.
Continua a leggere »

Gli improbabili binari dei Santini Del Prete

Franco Santini e Raimondo Del Prete sono due artisti-ferrovieri, due personaggi incredibili, molto affiatati, di grande umanità, che dal 1992 imperversano in Europa con le loro mostre e le loro performance. La loro arte, o piuttosto la loro “non-arte”, così come la definiscono, è carica di ironia e di creatività, a partire dal nome che, per destino e per scelta, si sono dati.
Non è raro incontrare I Santini Del Prete, rigorosamente in divisa delle Ferrovie dello Stato, in improbabili situazioni, magari in compagnia degli amici della Casa dell’Arte, oppure con Pablo Echaurren, Dario Fo, Enrico Baj…
Continua a leggere »

I Tarocchi “Pelosini – Santini Del Prete” / Tarot deck

Gli Arcani Maggiori dei Tarocchi sono ventidue antiche rappresentazioni di archetipi: simboli della storia del mondo e della vita, degli esseri umani e del loro innato senso della “magia” della natura.
Nei Tarocchi si possono leggere tutte le storie secondo le leggi della Materia; se ne può cogliere la profonda saggezza e la sottile ironia, fino a coglierne i più autentici significati nascosti; si può scegliere di ignorarli come retaggio di medievali superstizioni; oppure si può utilizzarli in più o meno consapevoli giochi divinatori.
Sempre i Tarocchi si prestano con versatilità e tolleranza ai capricci umani, siano essi destinati a sviluppare la conoscenza oppure a far sprofondare vieppiù nell’ignoranza.
Talvolta gli Arcani sembrano vivere di vita propria, manifestandosi come antiche divinità nei sogni, ispirando poeti e pittori, guidando gesti e pensieri, dando consigli alla mente ed al corpo, aprendo porte di comunicazione con il Divino che alberga in ogni essere umano.
In queste epifanie alcune volte prevale lo spirito del gioco, l’eterno gioco della vita. Continua a leggere »