Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito: il grande libro finalmente in produzione!

Bozza-copertinaTarocchi

Gli Specchi dell’Infinito

di

Giovanni Pelosini

Prenota adesso una delle straordinarie offerte editoriali: potrai contribuire personalmente alla realizzazione dell’opera moderna più completa e approfondita sul mondo dei Tarocchi che mai sia stata pubblicata.

Tre anni di ricerche e di lavoro, circa 450 pagine e 700 note, una bibliografia sterminata, un inedito capitolo del prof. Aldo Paolo Rossi dell’Università di Genova, un antico mazzo italiano ritrovato, appositamente restaurato e ripubblicato dopo quasi cinque secoli, il Manifesto della Tarologia Umanistica: qualcosa di più di uno dei tanti libri in commercio sui Tarocchi.

Ancora pochi giorni di promozione; con la possibilità di avere l’esclusivo mazzo in copia numerata e firmata e di pubblicare il tuo nome sul libro illustrato (cm 17 x 24) e autografato dall’autore:

⇒ G.Pelosini, Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito, Hermatena, 2016

Le misteriose origini e la storia, i Templari e i Sufi, ma soprattutto la segreta filosofia ermetica, alchemica, gnostica, platonica che da sempre è celata nel mazzo dei Tarocchi.

Le intriganti connessioni fra i Tarocchi e le narrazioni dei miti e delle fiabe, Pinocchio, l’Astrologia, l’azione psicologica dei simboli, la Cabala, il pensiero rinascimentale e quello orientale, le filosofie, l’arte, i percorsi iniziatici, il Gioco dell’Oca, gli antichi alfabeti, la numerologia, la magia, l’alchimia, la musica, la chimica, le costellazioni, l’anatomia, lo Yoga, i colori, i cibi, il cinema…

Come usare le carte dei Tarocchi, le regole della Cartomanzia, e perché i metodi divinatori funzionano: dalla sincronicità di Jung e Pauli alla fisica quantistica di David Bohm… le coincidenze significative, il cosiddetto “destino“, gli eventi casuali (che mai avvengono a caso), il Karma, le connessioni fra la psiche e la materia nella distribuzione delle carte e nei giochi.

I Trionfi, gli Arcani Maggiori e gli Arcani Minori: Fanti e Cavalieri, Re e Regine, il Bagatto, l’Eremita, la Papessa e l’Imperatrice, l’Appeso, la Stella, il Sole, il Mondo… archetipi eterni del mistero della Vita, simboli nati per mettere in connessione l’inconscio personale e l’intero Universo. Il Matto e la Ruota della Fortuna: le chiavi della Tarosofia per comprendere il messaggio iniziatico che ci arriva da un lontano passato.

Il progetto segreto degli umanisti del Rinascimento italiano per ampliare la consapevolezza e liberare le coscienze finalmente svelato e spiegato all’uomo del terzo millennio.

R.B.

⇒ Leggi di più e prenota: “Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito”

copertina-crowdfunding

 

Bibbona, 19 luglio 2015: Tarocchi, Storia, Magia, Alchimia

Bibbona, Etruscherie, 2015Accademia degli Etruschi di Bibbona

Etruscherie

Rassegna di Arti e Misteri Etruschi

Conferenza di

Giovanni Pelosini

Tarocchi

Storia, Magia, Alchimia

Domenica

19 luglio 2015

ore 21.45

Marina di Bibbona, Spazio Espositivo del Forte

INGRESSO LIBERO

Info: 348.5106404 – 340.9008922

Cecina, 9 luglio 2015: AREA 23, Giorgio Sangiorgio, I Misteri dell’Alchimia

AREA 23Fondazione Hermann Geiger, Comune di Cecina, Regione Toscana

CecinAutori 2015

Festival della Letteratura, Arti e Spettacolo

Giovanni Pelosini

presenta

*** AREA 23 ***

Cecina, Piazza Guerrazzi

Giovedì 9 luglio 2015, ore 23

Giorgio Sangiorgio

I Misteri dell’Alchimia

INGRESSO GRATUITO

Info: tel. 0586.635011

L’alchimia è una conoscenza le cui origini si perdono nella notte dei tempi e che oggi è poco conosciuta o male interpretata, anche perché celata per diversi secoli da una fitta coltre di mistero e segretezza. Si tratta di una conoscenza complessa, di una sperimentazione della natura e dell’uomo, nei loro aspetti visibili, ma soprattutto invisibili per i sensi comuni.
L’alchimia è stata un valore innovativo della civiltà occidentale e ha dato un contributo notevole allo sviluppo della scienza, dell’arte e della medicina, alla scoperta di tecnologie e prodotti farmaceutici. Ma tuttora la sua pratica può essere di aiuto per chi ricerca uno stile di vita armonico, che tuteli la salute psicofisica e sviluppi la creatività e la spiritualità insite nell’uomo.
La finalità dell’opera alchemica è purificare la struttura grossolana dell’uomo, creare una interiorità che dia spazio alle manifestazioni dell’anima e dello spirito. Le manifestazioni dello spirito si trasformano così in un dialogo con ciò che gli alchimisti chiamano Nume o Genio, un ente metafisico che agisce dall’inconscio e spinge a trasformare la vita, nel modo di essere e di fare, in una vera e propria opera d’arte. Ciò avviene quando si esprime, in maniera innovativa e coinvolgente, valori e significati eterni, universali, trascendenti il piano terreno.

Giorgio Sangiorgio, Alchimia, AREA 23Il dr. Giorgio Sangiorgio, dopo aver frequentato per molti anni il gruppo alchemico Il Corpo dei Pari, diretto da Gianmaria Gonella, autore di numerosi testi sull’argomento, promuove dal 2001 l’attività del Centro Studi Ermetici Il Convivio di Bologna, che organizza conferenze e seminari introduttivi sull’alchimia e l’ermetismo. Ha pubblicato i testi In Vino Veritas, Voci di Hermes e di Afrodite, Agricoltura Celeste – La conoscenza ed il potere dell’alchimia, Il Fuoco Segreto degli Alchimisti, e La sperimentazione alchemica come introduzione al testo Alchimia Selvatica di M. Giovagnoli.

Lecce, 21 marzo 2015: Festival dell’Astrologia del Salento e Sud Adriatico

Anatomia-AstrologicaComune di Lecce – XVI ITINERARIO ROSA 2015

C.I.D.A. – Centro Italiano Discipline Astrologiche

Kosmos – Accademia Stellium Salento

Festival dell’Astrologia del Salento e Sud Adriatico

Congresso Nazionale CIDA

Tanti sguardi, un solo cielo

Sabato e Domenica 21–22 marzo 2015

Lecce, Palazzo Turrisi, V. Basseo 1

Giovanni Pelosini

La Nigredo

Sabato 21 marzo, ore 11.50

Iscrizione al convegno obbligatoria (Ingresso gratuito)

Info e prenotazioni: tel. 0832.350457 – 389.1836553 – 347.3142925 Continua a leggere »

Lecce, 17 maggio 2014: Tarocchi, Storia, Simboli e Alchimia

Tarocchi

Storia, Simboli e Alchimia

Conferenza di Giovanni Pelosini

Sabato 17 maggio 2014, ore 17.30

Lecce, Palazzo Turrisi, Via Marco Basseo

Ingresso libero

Nel centro storico di Lecce, nell’antico e affascinante Palazzo Turrisi, in via Marco Basseo, la storica locale esperta di simbologia Maria Grazia Giorgino ha organizzato un incontro culturale con Giovanni Pelosini, ricercatore di fama internazionale e autore di numerosi testi sul tema.

Infatti, le ricerche di Pelosini si sono concentrate sui Tarocchi, che non sono solo un gioco o un metodo mantico, ma sono il retaggio di un’antica macchina filosofica: un sistema strutturato di immagini, simboli, archetipi che utilizzano lo stesso linguaggio criptico dell’alchimia, spesso codificato nella geometria sacra e nell’iconografia medievale e rinascimentale.

Il linguaggio dei Tarocchi è dunque lo stesso dei simboli, dei sogni e dell’inconscio, e l’arte di interpretare le figure dei Tarocchi è soprattutto un metodo per  conoscere meglio noi stessi e la realtà che ci circonda.

Quindi la storia, la cultura, la filosofia, l’arte degli Arcani possono diventare una sorta di gioco psicologico, che funziona secondo le regole della sincronicità studiate da Jung e Pauli, e stupisce per chiarezza e puntualità.

La cultura tarologica è ciò che resta di un antico codice iconico, che fu gnostico e alchemico, tramandato come un semplice gioco per veicolare una profonda conoscenza.

Comunicato Stampa JP

 

 

 

 

I Gatti Neri: Simboli, Miti, Storia e Superstizione

Il 13 giugno 1233 la bolla papale Vox in Roma di Gregorio IX dava ufficialmente inizio alle orribili persecuzioni dell’Inquisizione e al lungo periodo oscuro nel quale ogni retaggio culturale delle tradizioni pagane veniva assimilato alle devianze dall’ortodossia religiosa, alle eresie, alle presunte pratiche demoniache e alla stregoneria. Da allora forse centinaia di migliaia di esseri umani furono per questo perseguitati, torturati e barbaramente uccisi come eretici, presunti stregoni e (soprattutto) streghe.

La bolla di Gregorio IX descriveva nei dettagli anche il rituale di iniziazione alla stregoneria, nel quale si materializzava un gatto nero, grande come un cane di media taglia, che camminava all’indietro con la coda sollevata per farsi baciare il posteriore dagli adepti e dal neofita.

Da allora e per diversi secoli anche i gatti, che invece nell’antichità erano apprezzati sterminatori di topi, se non venerati come divinità, furono vittime innocenti di queste persecuzioni; e si stima che a milioni furono torturati e bruciati sul rogo come incarnazioni di Satana, spesso insieme a donne e uomini ritenuti colpevoli di malefici ai danni della comunità. Se il colore del gatto era nero, era ancora più facile immaginarlo una creatura della notte, dell’oscurità, e quindi un essere demoniaco e pericoloso. Continua a leggere »

San Marino, 13 ottobre 2013: XIII Simposio Mondiale, Scienza, Tradizione e Dimensioni del Sacro

13° Simposio Mondiale

Scienza, Tradizione e Dimensioni del Sacro

“Il Risveglio del Demiurgo

Gnosticismo antico e nuovo all’alba del III Millennio”

Conferenza di Giovanni Pelosini

“L’opera al Nero: la prima tappa del percorso ermetico di conoscenza”

San Marino, Teatro Titano

Domenica, 13 ottobre 2013

ore 9.00-13.00, 15.00-19.00

INGRESSO LIBERO   Info: tel. 335.6954574

 

 

Castagneto Carducci, 11-13 ottobre 2013: 6° Convegno di Astrologia Umanistica

Eridano School

6° Convegno di

Astrologia Umanistica

“Saturno”

Capacità, responsabilità, autonomia dell’io e ruolo nel mondo

11, 12 e 13 ottobre 2013

Marina di Castagneto Carducci, Hotel I Ginepri

Conferenza di Giovanni Pelosini: sabato 12, ore 12

Info e prenotazioni: segreteria 338.5217099 – 0123.40260

Atti del Convegno disponibili durante la manifestazione Continua a leggere »

Pinocchio: Tutti i Simboli della Fiaba di Collodi

PINOCCHIO

IN ARTE MAGO

Morena Poltronieri Ernesto Fazioli  Giovanni Pelosini

Hermatena Edizioni, 2013

160 pagine

18,00 €

Sapevate che il Gatto e la Volpe, coinvolti nella mistica impiccagione del burattino, trovano delle straordinarie analogie in una pagina miniata del Vangelo di Matteo del Libro di Kells, risalente al IX secolo?

E sapevate che, dieci anni prima di Collodi, Narciso Feliciano Pelosini aveva scritto un romanzo in cui c’era un pezzo di legno che prendeva magicamente vita nella bottega di un maestro falegname toscano?

E infine sapevate che le Avventure di Pinocchio, come i miti antichi, possono essere interpretate in mille diversi modi?

C’era una volta… la storia di Pinocchio con tutti i suoi simboli e le sue allegorie: Pinocchio e la magia; Pinocchio e la psicologia; Pinocchio e i Tarocchi; Pinocchio e l’alchimia; Pinocchio e l’Astrologia; Pinocchio e la Cabala; Pinocchio e la numerologia; Pinocchio e le rune… e tanti altri modi di leggere la simbolica fiaba di Collodi.

Vai al libro ⇒ PINOCCHIO, IN ARTE MAGO

 

Giove e la Voglia di Superare i Limiti

IL RESPIRO COSMICO

In una concezione olistica della realtà, il macrocosmo rappresentato dall’universo non si distingue sostanzialmente dalle sue manifestazioni microcosmiche, che sono solo apparentemente separate e distinte.

Ecco che ciò che è evidente nel singolo individuo si può ritrovare in contesti più generali e universali, come la fisica dei quanti comincia a farci comprendere, e come l’alchimia, la mitologia e l’astrologia ci hanno insegnato da molti secoli. Per questo motivo i ritmi della Vita coinvolgono tutta la natura, a ogni livello di complessità: atomi, molecole, cellule, organismi e macrostrutture complesse.

Il respiro cosmico è un ritmo dialettico che comprende ogni alternanza di princìpi opposti generando e perpetuando la vita stessa in doppie spirali che si ritrovano tanto nelle galassie quanto nel DNA. I due serpenti che si avvolgono a elica nel mitico Caduceo di Hermes si ritrovano nelle molecole complementari di acido desossiribonucleico e nei sistemi stellari; sono le Nādī in cui il Prana scorre alternativamente per risvegliare l’energia Kundalini, sono lo Yin e lo Yang della tradizione cinese, sono la destra e la sinistra, il bianco e il nero, e sono i mistici princìpi maschile e femminile che si armonizzano nell’androgino Rebis realizzando la Grande Opera alchemica. Continua a leggere »