Tel Aviv, Israele, 16 novembre 2017: Tarot Culture International Convention

Schechter Institute of Jewish Studies

TEL AVIV, ISRAEL

תל אביב

4° Congresso Internazionale 

La Cultura dei Tarocchi

Tarocchi: Storia, Filosofia, Linguaggio, Psiche, Mente

Giovedì 16 novembre 2017

Giovanni Pelosini, ore 11.40

Neve Schechter

Aharon Chelouche, 42 Third Street, angolo di Eilat, 57, di Neve Tzedek, TEL AVIV

נווה שכטר

אהרון שלוש,רחוב שלוש 42, פינת אילת 57, נווה צדק, תל אביב

INFO: +972 3-517-0358

I Tarocchi sono un sistema filosofico e uno strumento universale di conoscenza. Storia, filosofia, psicologia, pensiero, interazione con l’universo; diversi punti di vista e scuole di Tarocchi italiana e russa; Tarocchi e Cabala, le corrispondenze dei 22 Arcani Maggiori con le lettere dell’alfabeto ebraico; l’arte della divinazione, meditazione, psicoterapia, costruire il proprio futuro…

 

PROGRAMMA

h 10.00-10.20: “Welcome”, Elena Anopova, “Avvalon” Publishing house, Ilan Levy, “Prague” Publishing house, Mario Pignatiello, “Lo Scarabeo” Publishing house

h 10.20 -11.00: Zeev Ben-Arye, Israel, insegnante e autore, studioso delle religioni: “History of the Tarot”

h 11.00-11.40: Larisa Davydova, Israel-Russia, esperta di Tarocchi: “Talking with Rider-Waite Tarot. How the Tarot speaks to our soul. The symbolism of the Tarot of Waite

♦ h 11.40-12.30: Giovanni Pelosini, Italy, scrittore di fama internazionale, professore di Biologia, studioso e insegnante di Tarologia, corrispondente del Museo Internazionale dei Tarocchi: “Destiny, luck, chance, Karma: is destiny predetermined, can we change it?

Continua a leggere »

Museo Internazionale dei Tarocchi: Incontri con gli Autori, 2/9/2017

Riola (BO)

2 settembre 2017

Museo dei Tarocchi

2007-2017

La speciale serata organizzata da Morena Poltronieri e Ernesto Fazioli è stata l’occasione per incontrare il pubblico attento degli appassionati della materia nel luogo del cuore della Tarologia contemporanea, dove arte e cultura si armonizzano in spontanea sinergia. Sono stati presentati gli ultimi volumi della Casa Editrice Hermatena durante la visita guidata nelle sale del Museo, ricche di opere provenienti da tutto il mondo.

Incontri fra autori al Museo Internazionale dei Tarocchi

Durante la celebrazione del decennale del primo museo di arte contemporanea e di cultura dedicato interamente ai Tarocchi ho avuto anche il piacere di conoscere Franco Coletti, illustratore e scrittore.

Appassionato di culture e religioni antiche, psicanalisi, letteratura, teatro, pittura e grafica, ha approfondito l’archetipo della figura femminile nella storia e nella mitologia. Ha inoltre realizzato mazzi di Tarocchi e opere illustrate di narrativa  che declinano l’universo dei significati tarologici.

Lettera a Leonardo da Vinci

Marino Curnis, Raccolta lettere a Leonardo da VinciPer celebrare il cinquecentenario del trasferimento di Leonardo da Vinci alla corte di Francia nel 1516, il viaggiatore e scrittore Marino Curnis ha ripercorso a piedi il cammino da Vinci ad Amboise, portando con sé una raccolta di lettere scritte da studiosi e appassionati e indirizzate idealmente al grande personaggio, che nacque a Vinci e morì nel castello di Amboise.

Fra queste lettere, consegnate nel 2016 e ora conservate presso l’archivio del Castello Reale di Amboise,  c’era anche questa mia, un messaggio ideale al genio toscano:

“Caro Leonardo,

il nostro comune amico, Maestro Luca di Borgo Sansepolcro, mi prega di farti avere i suoi più cari saluti. È passato molto tempo dal vostro ultimo incontro romano e so che entrambi riuscite ancora a comunicare solo attraverso viventi sensibili.

Fra’ Luca desidera ricordarti i felici tempi trascorsi insieme a Milano, Mantova, Venezia, Firenze e Vaprio d’Adda, quando lui ti insegnava le moltiplicazioni con le radici, e le divine proporzioni, mentre tu lo stupivi con l’ingegno pratico e il tratto mirabile dei tuoi disegni.

Maestro Luca, infine, mi prega di dirti quanto ancora ti sia grato per l’amicizia e per le illustrazioni del suo libro. Caro Leonardo, egli non ha mai dimenticato le supreme e leggiadrissime figure dei corpi platonici e matematici che tu hai disegnato con la tua ineffabile sinistra mano meglio di chiunque altro al mondo.

Continua a fare buon viaggio con gli amici di questo secolo ancor giovane,

AD 2016

Giovanni Pelosini”

Ancona, 13 luglio 2017: Presentazione dei Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito

Tarocchi Fine dalla Torre, La StellaINCONTRO CON L’AUTORE

Giovanni Pelosini

presenta

TAROCCHI

gli Specchi dell’Infinito

Giovedì 13 luglio 2017, ore 21.15

Ancona, Libreria del Benessere
C.so Amendola, 8/a

INGRESSO LIBERO

Info: tel. 071.2071736


Retaggio di antiche culture e di quella magnifica epoca chiamata Rinascimento, i Tarocchi, spesso malamente denigrati a causa dell’azione di tanti ciarlatani, della diffusa ignoranza e del pregiudizio, meritano una riscoperta in chiave moderna e il recupero della loro originale dignità, quanto meno in ambito culturale e artistico, e possono ancora avere un ruolo importante per l’uomo del XXI secolo. Nei millenni la coscienza dell’uomo non ha cambiato le sue problematiche né lo scopo della sua esistenza. Da sempre l’uomo ha bisogno di “specchi dell’infinito”, di mappe per esplorare i misteriosi sentieri dell’anima, ovvero di un filo d’Arianna per non perdersi nei labirinti archetipici delle profondità della psiche, e per muoversi consapevolmente fra i nodi dell’esistenza.

Quando sono veicoli del flusso cosmico dell’Anima universale, i Tarocchi possono aprire il pensiero a scenari mai immaginati, a soluzioni creative e liberatorie, all’arte del vivere multidimensionalmente, alla responsabilità di farlo con coscienza, intraprendenza, libertà.

Si tratta di indagare l’ineffabile Anima Mundi, ma soprattutto di interpretare profondamente il Mundus Animae, e tramite questo procedere verso la comprensione di noi stessi e del cosmo, poiché tutto è Uno, e noi tutti ne siamo parte.

⇒ Giovanni Pelosini, Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito, 2016

Le Voci degli Arcani (Recensione di CulturaMusicale.it)

Le Voci degli Arcani, 2013Tarocchi e musica: a ogni carta, la sua melodia
Il mondo mistico dei tarocchi è stato spesso collegato alla musica. Il noto concertista di chitarra Bruno Battisti D’Amario, per esempio, ha studiato le 22 figure degli Arcani Maggiori e ha composto per ognuna di esse una melodia, che ne spiegava la storia e che rappresentava il suo messaggio.

Il percorso morale insito nelle carte è stato quindi trasformato in musica. Chi ascolta queste note si accorge subito che è un tipo di musica diversa: è un genere unico che aiuta, chi lo desidera, a intraprendere un percorso di conoscenza di se stessi, di armonia con l’ambiente e con gli altri.

Il concertista è riuscito a trovare il sottile collegamento che unisce gli Arcani e ha, allo stesso modo, composto brani che guidano l’ascoltatore in questo percorso morale.

Il Maesto Battisti D’Amario, comunque, non è stato l’unico a collegare i tarocchi alla musica: il primo progetto di creare un mazzo di carte musicali risale al 1995 ed è stato realizzato nel 2007, insieme a un libro e un cd. Il testo di Giovanni Pelosini e le musiche di Giovanni Imparato sono riusciti a spiegare i misteri degli Arcani e a guidare gli ascoltatori attraverso un viaggio mistico di saggezza e riflessione.

Il cantautore Fabio Cardullo, ancora, ha dedicato un intero concerto ai “tarocchi musicali” suonati per lo più al pianoforte: ogni brano era associato al significato di una delle carte dei tarocchi e forniva, quindi, indizi o suggerimenti al pubblico che sorteggiava di volta in volta le canzoni.

Associare la musica ai tarocchi è stata senz’altro un’idea originale e degna di attenzione: è un’esperienza mistica di conoscenza adatta sia a chi se ne intende sia a chi è semplicemente incuriosito dal mondo delle carte e da quello della musica introspettiva. CulturaMusicale.it

CD Le Voci degli Arcani

IL PRIMO “MAZZO” DI TAROCCHI MUSICALI DELLA STORIA

⇒ Per leggere e ascoltare Le Voci degli Arcani

 

 

Bibbona, 6 maggio 2017: Tarocchi, Specchi dell’Infinito

giovanni-pelosini-tarocchi-specchi-dellinfinitoComune di Bibbona

Bibbona & Cultura – Libri & Autori

presenta

INCONTRO CON L’AUTORE

Giovanni Pelosini

TAROCCHI

GLI SPECCHI DELL’INFINITO

Sabato 6 maggio, ore 21

Bibbona, Comune Vecchio

INGRESSO LIBERO

Tarocchi: Storia, Filosofia, Simboli, Alchimia, Mappa dell’Inconscio, Specchi dell’Anima…

I Tarocchi sono raffigurazioni simboliche degli archetipi e hanno quindi la capacità di “parlare” alla parte più profonda della nostra coscienza: sono come i sogni, i miti, gli antichi racconti tradizionali di valore universale schematizzati in poche immagini ricchissime di significati, sono un mezzo per stimolare la creatività e l’arte, per risvegliare le più nascoste capacità dell’uomo, e per trascendere i limiti dello spazio e del tempo.

⇒ Giovanni Pelosini, Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito, 2016

Ancona, 28 aprile 2017: Incontro con l’Autore Giovanni Pelosini

matto-tarocchi-fine-dalla-torreAssociazione Culturale Il Risveglio

presenta

INCONTRO CON L’AUTORE

Giovanni Pelosini

TAROCCHI

GLI SPECCHI DELL’INFINITO

Venerdì 28 aprile 2017, ore 21.15

Santa Maria Nuova (AN), Ex Scuola De Amicis, Via Matteotti

INGRESSO LIBERO

Gradita prenotazione: tel. 339.6090320

*************************************

Giovanni Pelosini è dottore in scienze, scrittore e docente. Si occupa di tarologia, astrologia, simbologia, yoga, spiritualità, discipline olistiche, biologia, pedagogia, teatro e cinema. Fra i massimi autori internazionali esperti di Tarocchi, ha pubblicato circa centocinquanta testi cartacei, alcuni dei quali tradotti in sette lingue. Durante la conferenza l’autore presenterà il suo ultimo libro Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito (Hermatena, 2016), un volume che sta contribuendo a rivalutare l’importanza della Tarologia nella storia e nel pensiero europeo tracciando linee di ricerca inedite e originali, con interessanti connessioni fra i Tarocchi, l’astrologia, la filosofia, la psicologia del profondo, l’alchimia spirituale, il Karma, la fisica, le neuroscienze, l’olismo: dalla riscoperta delle più segrete origini rinascimentali all’attualità umanistica del pensiero tarologico.

⇒ Giovanni Pelosini, Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito, 2016

Grosseto, 31 marzo 2017: Giovanni Pelosini, Tarocchi, Specchi dell’Infinito

Giovanni Pelosini, Tarocchi Specchi dell'InfinitoCenacolo Andrea da Grosseto

Presentazione del libro

TAROCCHI
gli Specchi dell’Infinito

di

Giovanni Pelosini

Grosseto, Hotel Granduca, Via Senese, 70

Venerdì 31 marzo 2017, ore 21

Info e iscrizioni (prenotazione obbligatoria): Cenacolo Andrea da Grosseto

tel. 338.2080034

PROGRAMMA DELLA SERATA

  • Ore 19.30: Apertura segreteria e registrazioni partecipanti alla cena
  • Ore 20.00: Cena a buffet con il relatore (20 euro)
  • Ore 21.00: Conferenza con dibattito finale (soci tesserati 5 euro, nuovi soci 10 euro)

Giovanni Pelosini è dottore in scienze, scrittore e docente. Si occupa di tarologia, astrologia, simbologia, yoga, spiritualità, discipline olistiche, biologia, pedagogia, teatro e cinema. Fra i massimi autori internazionali esperti di Tarocchi, ha pubblicato circa centocinquanta testi cartacei, alcuni dei quali tradotti in sette lingue. Il suo ultimo libro Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito (Hermatena, 2016) è un volume che sta contribuendo a rivalutare l’importanza della Tarologia nella storia e nel pensiero europeo tracciando linee di ricerca inedite e originali, con interessanti connessioni fra i Tarocchi, l’astrologia, la filosofia, la psicologia del profondo, l’alchimia spirituale, il Karma, la fisica, le neuroscienze, l’olismo: dalla riscoperta delle più segrete origini rinascimentali all’attualità umanistica del pensiero tarologico.

⇒ Giovanni Pelosini, Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito, Hermatena, 2016

486 pagine, 691 note a piè pagina, postfazione etimologica del prof. Paolo Aldo Rossi dell’Università di Genova.

Arco, 24 marzo 2017: Presentazione in Trentino del libro “Tarocchi, Specchi dell’Infinito”

giovanni-pelosini-tarocchi-specchi-dellinfinito-2INCONTRO CON L’AUTORE

Giovanni Pelosini

presenta

TAROCCHI
Gli Specchi dell’Infinito

Arco (TN), Hotel Al Sole, Via Foro Boario, 5

Venerdì 24 marzo 2017, ore 20.30

Info: tel. 0464.516676

INGRESSO LIBERO

Giovanni Pelosini è dottore in scienze, scrittore e docente. Si occupa di tarologia, astrologia, simbologia, yoga, spiritualità, discipline olistiche, biologia, pedagogia, teatro e cinema. Fra i massimi autori internazionali esperti di Tarocchi, ha pubblicato circa centocinquanta testi cartacei, alcuni dei quali tradotti in sette lingue.

Il suo ultimo libro Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito (Hermatena, 2016) è un’importante opera che sta contribuendo a rivalutare l’importanza della Tarologia nella storia e nella filosofia occidentale, tracciando linee di ricerca inedite e originali, con interessanti connessioni fra i Tarocchi, l’astrologia, la filosofia, la psicologia del profondo, l’alchimia spirituale, il Karma, la microfisica, le neuroscienze, l’olismo: dalla riscoperta delle più segrete origini rinascimentali all’attualità umanistica del pensiero tarologico.

Storia, filosofia, simboli, alchimia, cartomanzia pratica: Un’Opera Omnia che racchiude tutta la sapienza dei Tarocchi a livello mondiale. Dalla storia, alla filosofia, alle varie tecniche di lettura per un manuale colto e completo senza precedenti. Un testo adatto per esperti della cultura taro-logica, ma anche per neofiti all’inizio del loro percorso. Il primo e unico libro che ha racchiuso tutti i segreti e le vie per raggiungere la conoscenza di queste carte, una sorta di archetipi dell’anima, che segnano una via iniziatica per toccare l’essenza dell’esistenza.

G. Pelosini, Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito, Hermatena, 2016

Torino, 10 marzo 2017: Conferenza di Giovanni Pelosini, Perché e Come funzionano i Tarocchi. Il Linguaggio dei Simboli

Tarocchi Fine dalla Torre, La StellaTORINO, Libreria Fenice

Conferenza

di

Giovanni Pelosini

Perché e come funzionano i Tarocchi

Il linguaggio dei simboli

Torino, Libreria Fenice, Via Porta Palatina, 2

Venerdì, 10 marzo 2017, ore 21

INGRESSO LIBERO

Info: tel. 011.4362689

Giovanni Pelosini è dottore in scienze, scrittore e docente. Si occupa di tarologia, astrologia, simbologia, yoga, spiritualità, discipline olistiche, biologia, pedagogia, teatro e cinema. Fra i massimi autori internazionali esperti di Tarocchi, ha pubblicato circa centocinquanta testi cartacei, alcuni dei quali tradotti in sette lingue. La conferenza del 10 marzo 2017 è l’ideale seguito della presentazione del suo ultimo libro Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito (Hermatena, 2016), un volume che sta contribuendo a rivalutare l’importanza della Tarologia nella storia e nel pensiero europeo tracciando linee di ricerca inedite e originali, con interessanti connessioni fra i Tarocchi, l’astrologia, la filosofia, la psicologia del profondo, l’alchimia spirituale, il Karma, la fisica, le neuroscienze, l’olismo: dalla riscoperta delle più segrete origini rinascimentali all’attualità umanistica del pensiero tarologico.

⇒ Giovanni Pelosini, Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito, Hermatena, 2016