Niki de Saint Phalle: l’Artista dei Tarocchi nel Giardino

Biografia e Analisi Astrologica dell’artista del Giardino dei Tarocchi

Niki de Saint Phalle è la straordinaria artista che ha ideato il Giardino dei Tarocchi, un luogo unico al mondo in cui gli Arcani Maggiori sono rappresentati da gigantesche sculture in un grande parco.

1930: Catherine Marie-Agnes Fal de Saint Phalle, in arte Niki, nasce a Neuilly-sur-Seine da madre americana e padre francese. Trascorre la gioventù a New York interessandosi di arte, teatro, letteratura e moda.

1948: Sposa lo scrittore americano Harry Mathews e comincia a sperimentare differenti stili di pittura.

1954: Trasferita in Francia, conosce il pittore Hugh Weiss.

1955: A Barcellona rimane affascinata dalle sculture e dall’architettura del Parc Guell di Antonio Gaudì.

1956: Realizza la prima mostra di pittura in Svizzera.

1960: Separata dal marito, comincia a collaborare con lo scultore svizzero Jean Tinguely, che diventerà anche il compagno della sua vita e che sposerà nel 1971. Inizia la sua carriera artistica con mostre e performance, fra le quali i famosi “Tiri novorealisti”, realizzati sparando con la carabina sulle sue opere che si coloravano in modo casuale con le vernici di palloncini sulla tela.

1967: Partecipa all’Expo di Montreal. Sue grandi sculture sono esposte nei musei americani ed europei.

1972: Realizza la scultura monumentale Il Golem a Gerusalemme.

1975: Scrive, dirige e produce il film Un Reve Plus Long que la Nuit.

1975-1994: Realizza sculture monumentali, installazioni e fontane a New York, Hannover, San Diego (California), Parigi, Glasgow, Friburgo, Zurigo ed altre città.

1979-1996: Dedica quasi tutte le sue energie alla realizzazione del Giardino dei Tarocchi in Toscana, presso Capalbio. Crea un profumo che porta il suo nome, e con il ricavato finanzia il progetto di tale parco tarologico monumentale.

1983: Realizza la Fontana Stravinsky al Centro Pompidou di Parigi.

1994: Inaugura il Niki Museum a Nasu in Giappone e si trasferisce in California.

1998: L’architetto Mario Botta realizza l’ingresso del Giardino dei Tarocchi, che apre al pubblico il 15 maggio.

2002: Muore a San Diego, dove viveva dal 1994.

Oroscopo di Niki de Saint Phalle

(Neuilly-sur-Seine, 48°53’N 2°16’E, 29/10/1934 h 6.42 GMT)

Scorpione con ascendente Scorpione, Niki non poteva che dedicare la sua vita alla ricerca di qualcosa di molto profondo, nei meandri dell’inconscio: il Sole congiunto a Giove in XII Casa ci mostra la grande passione mistica ed esoterica come direzione di questa ricerca idealistica, mentre la V Casa nel segno dei Pesci contribuisce ad esprimere il suo senso artistico originale che scelse di manifestarsi soprattutto nel rappresentare la spiritualità degli archetipi e dei simboli dei Tarocchi. A confermare questa analisi astrologica, anche Venere, il pianeta della bellezza e dell’arte, si trova in XII Casa, e nel segno della Bilancia: ciò spiega come la creatività di Niki si sia spesso rivolta a performance stravaganti, ma eleganti e surreali, ed il suo breve ma significativo passato di modella. Mercurio scorpionico in I Casa in quadratura a Saturno in Acquario, portò l’artista ad andare veramente a fondo nella ricerca originale, sia estetica sia intellettuale, alla lettura attenta di Proust, alle amicizie con artisti e scrittori contemporanei. Niki non appartenne mai veramente ad una nazione, ma, come vollero Luna e Plutone (pianeta molto importante per chi ha il  Sole in Scorpione) in IX Casa, si sentì sempre una cittadina del mondo, radicata in ogni luogo; gli stessi significativi pianeti in Cancro (in aspetto allo stellium in XII Casa ed a Urano) sono testimoni della sua spiccatissima e profonda sensibilità, che trovava sfogo soprattutto in una produzione artistica, idealistica, spirituale ed anche artigianale, nel senso nobile del termine. Non è un caso se la prima opera del Giardino dei Tarocchi fu il complesso Mago-Papessa, un personaggio plutoniano ed il suo alter ego femminile e lunare, simbolicamente legato al segno del Cancro. I pianeti in Vergine ed in X Casa ci parlano della straordinaria capacità di iniziare e portare a termine nel lungo periodo opere anche monumentali, mentre l’indicativa posizione di Urano, in aspetto importante con Ascendente, Sole, Giove, Venere, Luna e Plutone, contribuisce a spiegare il visionario ma lucido modo di percepire e di realizzare lo straordinario nel quotidiano, magari inserendo attrezzi metallici e marchingegni meccanici nelle sue opere di matrice onirica. Il suo tema natale è stato ben interpretato dalle parole della stessa artista, che si riferisce alla sua più importante opera come frutto di “difficoltà, amore, folle entusiasmo e fede”.

Giovanni Pelosini



Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Leggi tutto

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close