Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito: il grande libro finalmente in produzione!

Bozza-copertinaTarocchi

Gli Specchi dell’Infinito

di

Giovanni Pelosini

Prenota adesso una delle straordinarie offerte editoriali: potrai contribuire personalmente alla realizzazione dell’opera moderna più completa e approfondita sul mondo dei Tarocchi che mai sia stata pubblicata.

Tre anni di ricerche e di lavoro, circa 450 pagine e 700 note, una bibliografia sterminata, un inedito capitolo del prof. Aldo Paolo Rossi dell’Università di Genova, un antico mazzo italiano ritrovato, appositamente restaurato e ripubblicato dopo quasi cinque secoli, il Manifesto della Tarologia Umanistica: qualcosa di più di uno dei tanti libri in commercio sui Tarocchi.

Ancora pochi giorni di promozione; con la possibilità di avere l’esclusivo mazzo in copia numerata e firmata e di pubblicare il tuo nome sul libro illustrato (cm 17 x 24) e autografato dall’autore:

⇒ G.Pelosini, Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito, Hermatena, 2016

Le misteriose origini e la storia, i Templari e i Sufi, ma soprattutto la segreta filosofia ermetica, alchemica, gnostica, platonica che da sempre è celata nel mazzo dei Tarocchi.

Le intriganti connessioni fra i Tarocchi e le narrazioni dei miti e delle fiabe, Pinocchio, l’Astrologia, l’azione psicologica dei simboli, la Cabala, il pensiero rinascimentale e quello orientale, le filosofie, l’arte, i percorsi iniziatici, il Gioco dell’Oca, gli antichi alfabeti, la numerologia, la magia, l’alchimia, la musica, la chimica, le costellazioni, l’anatomia, lo Yoga, i colori, i cibi, il cinema…

Come usare le carte dei Tarocchi, le regole della Cartomanzia, e perché i metodi divinatori funzionano: dalla sincronicità di Jung e Pauli alla fisica quantistica di David Bohm… le coincidenze significative, il cosiddetto “destino“, gli eventi casuali (che mai avvengono a caso), il Karma, le connessioni fra la psiche e la materia nella distribuzione delle carte e nei giochi.

I Trionfi, gli Arcani Maggiori e gli Arcani Minori: Fanti e Cavalieri, Re e Regine, il Bagatto, l’Eremita, la Papessa e l’Imperatrice, l’Appeso, la Stella, il Sole, il Mondo… archetipi eterni del mistero della Vita, simboli nati per mettere in connessione l’inconscio personale e l’intero Universo. Il Matto e la Ruota della Fortuna: le chiavi della Tarosofia per comprendere il messaggio iniziatico che ci arriva da un lontano passato.

Il progetto segreto degli umanisti del Rinascimento italiano per ampliare la consapevolezza e liberare le coscienze finalmente svelato e spiegato all’uomo del terzo millennio.

R.B.

⇒ Leggi di più e prenota: “Tarocchi, gli Specchi dell’Infinito”

copertina-crowdfunding

 

Cecina, 10 luglio 2015: AREA 23, Valentin Elli, Arcani Tamplari

Fondazione Hermann Geiger, Comune di Cecina, Regione Toscana

CecinAutori 2015

Festival della Letteratura, Arti e Spettacolo

Giovanni Pelosini

presenta

*** AREA 23 ***

Valentin Elli,Arcani Templari, AREA 23

AREA 23

Cecina, Piazza Guerrazzi

Venerdì 10 luglio 2015, ore 23

Valentin Patrizia Elli

Arcani Templari

INGRESSO GRATUITO

Info: tel. 0586.635011

Scozia: Referendum per l’Indipendenza 700 Anni dopo Bannockburn

Robert the BruceUn pensieroso e malinconico re Robert I the Bruce prende con la mano destra il fazzoletto che era stato tanto caro al patriota Wallace: lo guarda e incrocia lo sguardo severo e triste dei patrioti scozzesi che lo osservano. “Andiamo, facciamola finita!” dice il suo luogotenente, incoraggiandolo ad andare a trattare una onorevole resa con l’esercito inglese schierato di fronte. Il re ripone il fazzoletto di Wallace e spinge il cavallo verso il nemico, ma poi si ferma e guarda ancora i suoi. E con coraggio e decisione dice: “Vi siete battuti per Wallace. Ora battetevi per me!”. Segue la voce fuori campo: “Nell’anno del Signore 1314 patrioti scozzesi, affamati e soverchiati nel numero, sfidarono il campo di Bannockburn. Si batterono come poeti guerrieri. Si batterono come scozzesi. E si guadagnarono la libertà”. Così, enfaticamente e simbolicamente, termina il famoso film Braveharth di Mel Gibson del 1995. Continua a leggere »

Convegno ACAM Day: Archeologia, Misteri, Simboli, Architettura Sacra…

Nella Rocca di Arcidosso sabato 6 luglio 2013 si è tenuto il 1° ACAM Day.

Nella foto i protagonisti del meeting: (da sinistra) Roberto Pinotti, Sandro Zicari, Claudia Cinquemani, Giovanni Pelosini, Robert Bauval, Enrico Galimberti, Maria Grazia Lopardi.

Ha dato l’avvio ai lavori lo storico locale Adriano Crescenzi condividendo la sua conoscenza delle memorie della Rocca Aldobrandesca.

È quindi intervenuto Enrico Galimberti, che ha presentato la metodologia degli studi interdisciplinari sull’umanità e sui misteri dell’archeologia e della scienza.

Il primo intervento di Robert Bauval, il famoso archeoastronomo autore del Mistero di Orione, riguardava i misteri relativi al progetto di Piazza San Pietro a Roma, con esoteriche conoscenze astronomiche eliocentriche che la stessa Chiesa dell’epoca considerava eretiche. Con lui il ricercatore Sandro Zicari, coautore del libro di prossima pubblicazione dal titolo italiano I Papi Solari (Bauval, Hoenzollern, Zicari, The Vatican Heresy). Secondo gli autori, nel XVII secolo, l’obiettivo era quello di creare a Roma un Tempio Ermetico del Sole per fare della città stessa un “Talismano”.

Claudia Cinquemani, autrice del libro La luce della Dea, ha presentato un video sui simboli presenti sul Monte Amiata e in altri affascinanti luoghi del mondo, che si ripetono come manifestazioni degli archetipi nelle architetture sacre di diverse culture.

Una sorpresa per tutti i partecipanti è stata la presenza di Roberto Pinotti. Il famoso scrittore ha portato alla platea e ai relatori i suoi saluti e quelli della rivista Archeomisteri.

Maria Grazia Lopardi, esperta di Templari e di simboli, ha relazionato sulle molteplici corrispondenze che si trovano nell’enigmatico Quadrato Magico SATOR.

Giovanni Pelosini ha quindi parlato delle previsioni e delle profezie, particolarmente di quelle di Gioacchino da Fiore e di Malachia, da un punto di vista olistico e volto a comprendere con consapevolezza il senso dei cambiamenti epocali che stiamo vivendo.

Hanno chiuso l’intensa giornata Robert Bauval e Sandro Zicari con inedite notizie sulle ricerche archeologiche svolte alla Piramide di Saqqara e nell’Egitto sud-occidentale, le quali dimostrano l’evoluta conoscenza astronomica degli sconosciuti popoli preistorici sahariani.

Un appassionato pubblico giunto da ogni parte d’Italia ha riempito totalmente il salone, mostrando quanto le tematiche affrontate possano essere di grande interesse culturale.

Il convegno è stato ideato da Enrico Galimberti,  direttore di ACAM (Associazione Culturale Archeologia Misteriosa), per celebrare degnamente l’anniversario dell’associazione.  L’affascinante location del Castello Aldobrandesco di Arcidosso  è stata quindi voluta dagli organizzatori: Luisa Colombini, coordinatrice del Sistema Museale dell’Amiata, Roberta Pomoni, assessore alla cultura del Comune di Arcidosso, Sara Poletti, segretaria organizzativa, e soprattutto da Claudia Cinquemani,  colta e preparata studiosa locale e pittrice.

Arcidosso, 6 luglio 2013: Meeting di Archeologia e Misteri. Templari, Simboli, Architettura Sacra. L’Umanità e la Nuova Era

Acam & Comune di Arcidosso

1° Acam Day

Meeting di Archeologia e Misteri

Templari, Simboli, Architettura Sacra

L’Umanità e la Nuova Era

Robert Bauval, Maria Grazia Lopardi, Giovanni Pelosini, Enrico Galimberti, Claudia Cinquemani

Sabato 6 luglio 2013

Castello di Arcidosso (GR)

Info: tel. 333.6282817 – 338.9401866

Programma

ore 9.15: Apertura sala convegni

0re 10.00: Presentazione di Roberta Pomoni, Assessore alla Cultura del Comune di Arcidosso

ore 10.45: Enrico Galimberti, Dalla polvere alle stelle, archeologia e misteri: il mosaico della verità

ore 11.45: Robert Bauval, Il Vaticano e i misteri della Città del Sole

ore 13.00: Pausa pranzo

ore 15.00: Claudia Cinquemani, Amiata: tra simboli, spiritualità e misteri

ore 15.30: Maria Grazia Lopardi, I Templari, il Quadrato Magico del Sator e l’Architettura Sacra

ore 16.15: Giovanni Pelosini, Profezie e previsioni; nuovi paradigmi per l’umanità dal Medio Evo al Nuovo Evo

ore 17.00: Robert Bauval, Imhotep architetto del cosmo

ore 18.00: Saluti e chiusura dei lavori

ATTENZIONE: I posti sono in numero limitato; è obbligatoria la prenotazione on line

Ingresso conferenze nel castello: 20,00 €

Henry Jones & Indiana Jones

Lucca Comics 2012

È stato divertente essere cosplayers per rendere omaggio ai personaggi del cinema che ci hanno fatto sognare: il professor Henry Walton Jones Sr. e il professor Henry Jones Jr, più famoso come Indiana Jones.

Il riferimento è al film Indiana Jones e l’ultima crociata del 1989: terzo film della serie diretta da Steven Spielberg in cui finalmente si vede in faccia il padre dell’avventuroso archeologo (“il professore che ci si augura di non avere mai“, come ebbe a dire lo stesso figlio) alla ricerca del Santo Graal ancora custodito da un anziano cavaliere Templare.

L’interpretazione di Sean Connery a fianco di Harrison Ford in quell’occasione fu memorabile, e in parte responsabile anche delle nostre future scelte.

Piuttosto somiglianti, non è vero? Siamo appena appena più giovani, ma a questo c’è rimedio.

Giovanni Pelosini e Lorenzo F.L. Pelosini

Find the differences.

I Misteri dei Cavalieri Templari

Nella sala convegni del Convento e fortezza cistercense di Santo Spirito d’ Ocre (XIII sec.) si è concluso l’VIII Convegno Itinerante sulla storia dell’Ordine dei Cavalieri Templari.

Le relazioni della ricercatrice Maria Grazia Lopardi, del dr. Carlo Di Stanislao, di Giovanni Pelosini e di Adriano Forgione si sono susseguite, pur senza un piano concordato, su una linea coerente che ha messo in evidenza inediti e interessanti collegamenti fra la mistica orientale e quella occidentale attraverso il progetto templare, la storia di Celestino V, alcuni percorsi di conoscenza iniziatici, i simboli medievali, il messaggio nascosto nei Tarocchi, per arrivare a suggestive e concrete ipotesi sul misterioso sigillo “TEMPLI SECRETUM” e sulla reale identità del Gran Maestro dei Cavalieri Templari dal 1256 al 1273 Thomas Berard. Come in un incredibile puzzle le conoscenze inerenti le presenze templari nel territorio, i simboli e la storia dei Tarocchi, le tradizioni del medio e dell’estremo oriente e le ricerche sui più antichi testi della nostra civiltà hanno trovato precise corrispondenze e risposte coerenti ai più affascinanti enigmi della storia. Continua a leggere »

L’Aquila, 22-27 maggio 2012: Convegno Itinerante sui Templari

Con il Patrocinio della Regione AbruzzoPresidenza del Consiglio e del Comune dell’Aquila

Associazione Panta ReiConacreis Abruzzo

Gruppo Archeologico Superequano di Castelvecchio Subequo

VIII CONVEGNO ITINERANTE

Perdonare per liberarsi  Perdonarsi per guarire

Un Perdono Mancato nella Storia: la Vicenda dei Templari

Il Cammino del Perdono dall’Eremo del Morrone a S. Maria di Collemaggio, sui passi di Celestino V

22-27 maggio 2012

L’Aquila, Badia, Sulmona, Castelvecchio Subequo, Fontecchio, Santo Spirito d’Ocre

La cittadinanza è invitata a partecipare liberamente agli eventi culturali nelle diverse località

Info: Associazione Panta Rei, tel. 338.3115194 Continua a leggere »

Il Tesoro dei Templari e Papa Celestino V

«Lo Spirito conferisce alla coscienza la capacità di comprendere e di discernere, ma perché possa trovare ingresso nell’essere umano, questo deve aver preparato se stesso attraverso un processo di purificazione e di consapevolezza delle proprie maschere ed ombre: di qui il cammino prospettato da Pietro Celestino con la formula magica del perdono come strumento per annullare il giudizio, quel giudizio che separa chi giudica e chi ne è oggetto. Il piano di Celestino e dei Templari si completano reciprocamente occupandosi il primo dell’aspetto spirituale, condiviso dai cavalieri che vi aggiunsero le loro conoscenze esoteriche, ed il secondo di quello politico-amministrativo. (…) è facile ipotizzare un’entusiasmante comunione di intenti per cui le vie del povero eremita e del potente ordine si sono unite per cooperare nella realizzazione di un unico piano, considerato che l’eremita del morrone rappresentava la realizzazione dell’ideale spirituale dei monaci guerrieri.»

Maria Grazia Lopardi

La Profezia di Malachia sulla Fine del Papato

La Profezia dei Sommi Pontefici

Da più di quattrocento anni è nota, a volte temuta, sempre discussa, l’enigmatica Profezia di Malachia sul papato romano, e più di un Pontefice, in questi secoli, l’ha ricordata a conferma della propria elezione, anche se la Chiesa non l’ha mai ufficialmente accettata. A Venezia, nel 1595, il benedettino Arnold de Wyon pubblicò il Lignum Vitae, cioè “Il Legno della Vita, ornamento e decoro della Chiesa”. In questo testo si legge per la prima volta la notizia dell’esistenza di una sintetica profezia, Prophetia de Summis Pontificibus, attribuita a San Malachia, vescovo e veggente irlandese vissuto dal 1094 al 1148.

Così Arnold de Wyon ci parla di San Malachia: “ … di lui non conosco che una profezia sui Sovrani Pontefici. Siccome questo scritto è breve e, come sembra, non ancora stampato, lo riproduco qui per rispondere al desiderio di molti”. Seguiva lo scarno elenco di 112 motti profetici riferiti ai Papi a partire da Celestino II (1143-1144) fino ad un certo “Pietro Romano”, l’ultimo della lista.

San Malachia

Il nobile irlandese Maelmhaedhoc della famiglia O’Margair nacque ad Armagh nel 1094 e si narra che fosse un devoto cristiano fin da giovanissimo. Il suo nome fu latinizzato ed egli è noto come Malachia, monaco, vescovo e Primate d’Irlanda nel turbolento XII secolo. Continua a leggere »