La Raccolta delle Opere dell’Alchimista Martino Barbieri Calori

La Raccolta delle Opere di Martino Barbieri, artista-alchimista

Sabato 11 settembre 2011 è stata inaugurata la Raccolta Martino Barbieri come spazio espositivo permanente delle opere del grande artista bolognese. L’esposizione è in via Pergoloso, 54 a Monghidoro (BO) in uno spazio inserito nell’antico borgo, ed è visitabile prendendo appuntamento con Michelangelo Barbieri, tel. 333.5953963.

Nell’immagine a fianco la foto di una rara esposizione dei Tarocchi da Pranzo di Martino Barbieri Calori, realizzati con un particolare processo alchemico su un supporto in origine commestibile reso incorruttibile: le gallette sono state trasformate in Arcani Maggiori mostranti una estrema sintesi dei significati profondi delle carte che formano l’unico esemplare di un mazzo ironico ma espressivo della digestione e assimilazione dei princìpi archetipi che ne costituiscono la struttura intrinseca. L’artista si è nutrito dei significati simbolici dei Tarocchi, li ha scomposti e digeriti, ne ha assimilato l’essenza per poi trasformarla  alchemicamente ristrutturandola in nuovo cibo per la psiche e per l’anima.

Giovanni Pelosini

 

 

Tarocchi del Necronomicon – Dark Grimoire Tarot – Tarot der Dunklen Schatten

Gli Antichi Grimori, Libri di Magia

Gli antichi testi di magia, stregoneria e rituali erano chiamati Claviculae o Grimori. Questi ultimi erano spesso libri di Magia Nera: in essi gli iniziati potevano trovare istruzioni e formule magiche per fabbricare pozioni, medicine, incantesimi, talismani con simboli di derivazione alchemica, astrologica o cabbalistica, talvolta finalizzati all’evocazione di angeli e di demoni.

Si pensava che questi libri “maledetti” fossero rari e pericolosi, specialmente se usati senza le opportune precauzioni. La Chiesa li condannò senza riserve dal 1557 con l’Index Librorum Prohibitorum, ma tutto ciò non fece che alimentarne la leggenda ed il mercato clandestino. Autentici papiri si confusero con falsi abilmente contraffatti e le copie, vere e presunte, di antichi libri di magia si diffusero in tutto il mondo dal Medio Evo in poi. Oltre alla famosa Clavicula Salomonis si conobbero il Lemegeton, il Mutus Liber, La Magia Sacra di Abra Melin il Mago, il Manoscritto Voynich, e di molti altri libri leggendari si dichiarò il ritrovamento: il Libro di Abramo l’Ebreo, Le Stanze di Dzyan, il Libro di Enoch. Continua a leggere »

Monti Sibillini, 26-28 agosto 2011: Vacanza Alchimia

Vacanza Alchimia sui Monti Sibillini

Aromi, Massaggio, Meditazione

San Ginesio (MC), Convento San Liberato

26-27-28 agosto 2011

Info: tel. 071.2807913 – 349.4071631 Continua a leggere »

Parma, 26 luglio 2011: Parma Magica

Il Museo dei Tarocchi presenta

PARMA MAGICA

Una passeggiata nei misteri magici della città

Conferenza Itinerante e Percorso Esoterico Guidato

Parma, appuntamento alle ore 21 in Piazza Duomo fronte Battistero

Martedì 26 luglio 2011

Prenotazione Obbligatoria

Info e prenotazioni: tel. 051.916563 – 051.916750 – 339.4675826 – 348.8138815 Continua a leggere »

Ferrara, 7 luglio 2011: Ferrara Magica

Il Museo dei Tarocchi presenta

Ferrara Magica

Conferenza Itinerante e Percorso Esoterico Guidato

Giovedì 7 luglio 2011, ore 20.00 – 21.30

Ferrara, appuntamento alle ore 20 di fronte alla Cattedrale

Prenotazione Obbligatoria

Info e prenotazioni: tel. 051.916563 – 051.916750 – 339.4675826 – 348.8138815 Continua a leggere »

Misteri del Quadrato Magico SATOR in Italia

Tra i numerosi Quadrati Magici SATOR presenti in Italia in questo articolo sono citati quelli di Pompei, Sermoneta (LT), Canavaccio (PS), Bolzano, Capestrano (AQ), Siena e Campiglia Marittima (LI).

Pompei: un Quadrato Magico di sicura datazione

Nel 1936 la scoperta archeologica di un Quadrato Magico completo fra le rovine di Pompei, quindi sicuramente precedente all’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., aprì la strada a interessantissime riflessioni sul cristianesimo del I secolo, evidentemente già diffuso nell’Impero Romano e già sensibile alle simbologie mistiche prima della stesura dell’Apocalisse (posteriore all’84 d.C.), e ben prima che l’Imperatore Costantino facesse della croce un emblema universalmente accettato. Del resto molte simbologie protocristiane possiedono corrispondenze nell’Antico Testamento e probabilmente anche mistici legami con le conoscenze esoteriche della setta degli Esseni ed altri gruppi di iniziati. Continua a leggere »

Simboli del Fiore di Loto

L’antica simbologia egizia

È il fior di loto un simbolo ancestrale e molto significativo che nell’antico Egitto e in estremo Oriente ha rappresentato in diverse epoche i suoi aspetti esoterici in diversi contesti. Secondo la Cosmologia hermopolitana che si fondava sulla Ogdoade religiosa dell’antica città di Chemenu, il caos primordiale era strutturato secondo il dualismo maschile-femminile e i primi esseri viventi terrestri emersero dal fango sotto forma di umidi anfibi e rettili squamosi. Amun, l’antica divinità solare, fece sorgere dalla palude il primo fiore di loto, che poi assunse a Tebe e in tutto l’Egitto una grande importanza simbolica. Soltanto sotto i caldi e diretti raggi del sole, infatti, il fiore si apre nella sua splendida forma galleggiante. Fasci di fiori di loto si innalzano davanti agli Dei intrecciati ai papiri nei rilievi e nelle più antiche raffigurazioni sacre egizie; un fiore di loto e uno stelo di papiro uniti rappresentavano anche l’unione dei regni dell’Alto e del Basso Egitto, come espressioni vitali delle due nature simboliche del fiume Nilo. Continua a leggere »

Ouroboros – Uroboro: Il Simbolo e il Mistero nel Sogno di Kekulè

L’Archetipo dell’Uroboro e il Mistero di Kekulè

Talvolta i simboli si presentano alla nostra coscienza come se fossero archetipi viventi, intenzionati a comunicare con la nostra psiche profonda con il loro linguaggio onirico. Sono innumerevoli i simboli che quotidianamente si rivelano e si nascondono alla nostra mente razionale, la quale quasi sempre si rifiuta di riconoscerli come messaggeri di un’altra dimensione, di una “realtà” che contiene e genera quella mediamente percepita come ordinaria. Essendo i veicoli che uniscono il mondo delle idee, delle energie e dello Spirito con quello ordinario della Materia, si esprimono fecondando gli animi più sensibili e creativi: nascono così l’arte, la scienza, il genio umano. Come cantava Ovidio, “Et ignotas animum dimittit in artes”. Continua a leggere »

Astrologia, Miti, Simboli e Significati dei due Aspetti di Venere

Video con alcuni stralci della conferenza di Giovanni Pelosini sui simboli non solo astrologici di Venere al III Convegno di Astrologia Umanistica e Psicologica di Eridano School del 23 ottobre 2010 a Castagneto Carducci.

Parte 1

Gli aspetti simbolici, astrologici, alchemici, antropologici dei miti di Venere, fin dalla nascita narrata da Esiodo, sono un’allegoria della nascita della stessa vita sul nostro pianeta, e stimolano affascinanti riflessioni sull’esobiologia, oltre che richiamare gli ancestrali ricordi dei cerimoniali sacri come l’evirazione e la prostituzione rituali. Continua a leggere »

Astrologia di Venere: Significati, Simboli, Mito

I mille volti di Venere: desiderio, attrazione, valori, amore, benessere e scelta

III Convegno di Astrologia Umanistica e Psicologica

Castagneto Carducci, 23 ottobre 2010

Conferenza di Giovanni Pelosini

Venere: Angelo o Demonio? Continua a leggere »

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Leggi tutto

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close